Ciao, Sono Erica!
Viaggiamo insieme!

Viaggiare… è sempre stata parte della mia vita

Sin da piccola, con i miei genitori, ricordo di aver viaggiato a bordo di un camper o spostandosi in auto, sfruttando il massimo del tempo a disposizione per vedere quante più meraviglie possibili che si incontravano lungo il percorso. Con gli anni, ho sentito la necessità di portarmi sempre a casa un ricordo, un libro o un souvenir dei luoghi visitati, passione che ho appreso da mia mamma. Ora della mia collezione ne vado orgogliosa.

A 12 anni ero convinta che avrei dovuto imparare l’inglese, affascinata dall’idea di riuscire a comunicare e comprendere un’altra lingua, come riusciva un caro amico di famiglia e che grazie ad essa aveva girato mezzo mondo, inviandomi ad ogni suo viaggio una cartolina del posto dove era stato.

erica mattiello, blog viaggi,

Viaggiare… è sempre stata parte della mia vita

Sin da piccola, con i miei genitori, ricordo di aver viaggiato a bordo di un camper o spostandosi in auto, sfruttando il massimo del tempo a disposizione per vedere quante più meraviglie possibili che si incontravano lungo il percorso. Con gli anni, ho sentito la necessità di portarmi sempre a casa un ricordo, un libro o un souvenir dei luoghi visitati, passione che ho appreso da mia mamma. Ora della mia collezione ne vado orgogliosa.

A 12 anni ero convinta che avrei dovuto imparare l’inglese, affascinata dall’idea di riuscire a comunicare e comprendere un’altra lingua, come riusciva un caro amico di famiglia e che grazie ad essa aveva girato mezzo mondo, inviandomi ad ogni suo viaggio una cartolina del posto dove era stato.

Cosi incuriosita, ho iniziato a studiarlo e grazie alla scuola ho avuto modo di partecipare ad uno scambio culturale in Germania e partecipare a dei programmi di formazione al Londonderry (Irlanda del Nord), grazie a delle borse di studio.
È stato durante uno di questi soggiorni che – non ancora maggiorenne – assieme ad un’altra ragazza ho preso il mio primo aereo da sola (senza quindi accompagnatore) da Londonderry (Irlanda del Nord) ad Edimburgo (Scozia).
Tralasciando i dettagli della sistemazione trovata (avevamo i soldi appena per viaggiare), posso ammettere che quella prima esperienza mi ha dato una carica incredibile.

Una volta diplomata e con un lavoro in mano, soffrivo nel vedermi chiusa in un ufficio a quattro mura e con un lavoro prettamente amministrativo. Cosi a 20 anni ho insistito per poter vivere un’esperienza all’estero grazie ai contattati che avevo e ad Aprile 2007 sono partita con valigia alla mano e lacrime trattenute, pienamente convinta della mia scelta!
Da Passau mi sono spostata ad Augsburg, sempre in Baviera, dove grazie a dei contatti con ragazze italiane ho cominciato la mia prima esperienza da freelance come interprete nei principali centri fieristici. In questa maniera la Germania l’ho girata in lungo e in largo, sfruttando le occasioni per esplorare le varie città. Avevo avviato un’agenzia di traduzioni ed interpretariato reclutando anche diverse ragazze, che devo ammettere mi ha dato soddisfazione (se siete curiosi potete ancora vedere il sito qui).

Dopo due anni intensi di treni e aerei presi settimanalmente, e soggiorni alternati a Dublino per rinfrescare anche l’inglese, ho voluto rientrare nella bella Italia, per mettere in pratica sul campo le lingue che avevo perfezionato. Cosi cominciai il mio lavoro ultra decennale in ufficio commerciale.

Dal mio rientro in Italia, la necessità di viaggiare è stata talmente forte che da allora ogni ponte, ogni festività o vacanza era opportunità per girare l’Italia e l’Europa, esplorando capitali con l’uso di metropolitane e mezzi pubblici o organizzando tour in autonomia (self drive) con l’utilizzo dell’auto.

Il mio obiettivo era riuscire a vedere almeno tutte le capitali Europee (ammetto che ci sono riuscita ad esclusione di quelle scandinave) e grazie all’auto ho potuto raggiungere posti anche poco battuti e meno conosciuti dal turismo di massa o dai classici tour in pullman, dandomi la piena libertà degli spostamenti senza vincoli particolari, partendo semplicemente da un punto di partenza ed uno di arrivo (non sono quel genere di viaggiatrice che va allo sbaraglio senza sapere dove poter dormire).

Una grande delusione d’amore mi ha spinta a voler superare me stessa e prendere il primo intercontinentale che mi avrebbe portato dall’altra parte dell’oceano. Un viaggio pazzesco, organizzato in compagnia di due amici, che porto nel mio cuore come un ricordo vivo ed indelebile.
Con il viaggio di nozze ho voluto sfidarmi ulteriormente raggiungendo i confini del mondo arrivando in Australia ed esplorando anche questa terra meravigliosa.

Ogni viaggio è stata una sfida per me stessa ma anche un arricchimento importante senza per forza dover andare troppo lontano. Ogni viaggio ha inserito tasselli nel cassetto dei miei ricordi ed alimentato il mio spirito di viaggiatrice autodidatta.

La nascita di mia figlia non ha cambiato il mio stile di viaggiare, certo, modificandolo e adattandolo con le sue esigenze nei primissimi anni di vita, ma ci ha permesso comunque di prendere aerei e traghetti fin da subito, mantenendo lo spirito del viaggio itinerante.

La pandemia ha sicuramente segnato questo cammino, e mi ha spinto ad investire in quella che sono veramente, in quello che in realtà è sempre stato il mio mondo.
Chi mi conosce da sempre, sa che la voglia di esplorare, viaggiare, organizzare ce l’ho da sempre.

In più di qualche occasione sono stata punto di riferimento per familiari, amici e parenti nell’organizzare i loro viaggi, organizzando viaggi di famiglia, risolvendo dei problemi sorti durante i loro viaggi (aerei bloccati, treni persi, problemi con prenotazioni, traduzioni) e vivendo più di qualche esperienza come assistente linguistica in alcuni viaggi di gruppo all’estero organizzati in paese.

Sul nascere del 2021 mi sono finalmente decisa a fare questo passo e grazie ad Evolution Travel sono riuscita ad entrare nel mondo del turismo, superando eccellentemente la prova di sbarramento dedicandomi a tempo pieno in questo bellissimo lavoro.
Le parole del mio tutor sono riuscite a farmi commuovere, avendo esattamente percepito come sono e quanta passione ci metto.

Dove vuoi organizzare il tuo prossimo viaggio?

Aiutami a comprendere la tua idea di viaggio. Dove ti piacerebbe andare e quando vorresti partire?

Quale sarà il tuo prossimo viaggio?

erica mattiello, blog viaggi,
STATI UNITI
Città, tour ed isole caraibiche
erica mattiello, blog viaggi,
CANADA
Natura incontaminata e colori unici
erica mattiello, blog viaggi,
OCEANIA
Ai confini del mondo
erica mattiello, blog viaggi,
DIVING
I migliori fondali al mondo con flora e fauna endemica
erica mattiello, blog viaggi,
SAFARI
Un'esperienza da fare almeno una volta nella vita!
erica mattiello, blog viaggi,
ARCHEOLOGIA
La storia, così passata ma ancora viva!
erica mattiello, blog viaggi,
AURORA BOREALE
La magia che sa trasformarsi in divertimento
erica mattiello, blog viaggi,
FLY & DRIVE
Alcune idee, per una vacanza in libertà!