Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
erica mattiello, blog viaggi,

Le Langhe

Patrimonio dell’Unesco, il territorio delle Langhe, in Piemonte, è una zona suggestiva da visitare, non solo per i suoi rinomati e pregiati vini: paesaggi da cartolina, buona cucina e piccoli borghi è ciò che si nasconde nelle dolci colline delle Langhe, situate in provincia di Cuneo Ecco qui il giro perfetto per non perdersi le particolarità di questo territorio:

Cosa troverai in questo articolo

La cappella delle Brunate & Barolo

Iniziate la vostra visita della Langge dal paesino de La Morra,  tra i luoghi imperdibili.

Dal suo Belvedere il panorama sulle colline è spettacolare.


Luogo inconico è la Cappella dele Brunate, costruita nel 1914 come riparo per i lavoratori dei vigneti circostanti in caso di temporali o grandinate.


Barolo è il cuore delle Langhe, famoso in tutto il mondo per l’omonimo.
Il piccolo borgo si raggiunge percorrendo strade che costeggiano i vigneti. Qui troverete enoteche dove degustare il pregiato vino o visitare storiche cantine vinicole.

La Panchina Gigante di Neive

In questo paesino si trova una delle Big Bench – le panchine giganti, installate come iniziativa no profit dal designer americano Chris Bangle appassionato del territorio.

Le panchine giganti sono collocate in posizioni strategiche, in modo da godere appieno della bellezza del paesaggio.

Alba

Capitale delle Langhe, piacevole cittadina, famosa per la Fiera del Tartufo Bianco e sede di molte aziende del settore alimentare.

Situata in Piazza Risorgimento, la Cattedrale di San Lorenzo è tra gli edifici più importanti della città. L’imponente edificio è in stile gotico ed è costruito in caratteristici mattoncini rossi. L’interno è invece caratterizzato da sgargianti colori che vanno dal blu all’oro.


Alba è soprannominata la “città delle cento torri” per l’elevato numero di torri costruite in passato a scopo difensivo. Delle numerose torri oggi ne rimangono poche. Le tre più importanti e meglio conservate sono tutte ben visibili da Piazza Duomo.


Un modo insolito per conoscere parte di questa città è visitare i sotterranei di Alba in compagnia guidata di un archeologo professionista. In piazza Duomo troverete opportunità di vistare l’antico tempio, il teatro, il foro di epoca romana e le torri medievali scomparse.

La Botte Gigante di Alba

Presso le vigne dell’Agriturismo Bellonuovo in località Altavilla, ad Alba, troverete installata una Big Barrel Bench, una botte gigante.
Google maps vi aiuta a raggiungere il punto preciso dalla strada. Con un po’ di pazienza e qualche minuto in salita in mezzo ai vigneti, riuscirete a raggiungere questa particolare installazione.

Il Castello di Grinzane Cavour

Località nota per il Castello che è diventato la sede della pregiatissima asta della Fiera del Tartufo. Il Castello, oggi è museo del Vino ed è visitabile internamente.

Esternamente è stato creato un museo a cielo aperto gratuitamente che spiega la storia della vigna e del raccolto

La Chiesa di Coazzolo e la Vigna dei Pastelli

Nel comune di Coazzolo, piccolo borgo in provincia di Asti, si trova una bellissima chiesetta colorata immersa tra i vigneti realizzata dall’artista britannico David Tremlett nel 2017 su richiesta dell’allora Assessore alla Cultura.

Tre sono i colori dominanti utilizzati: il color della terra di Siena, il giallo ed il verde oliva, che caratterizzano il paesaggio che si gode dalla chiesetta. 

A pochi metri dalla chiesa si trova inoltre la Vigna dei Pastelli, un vigneto dove giganti pastelli colorati hanno preso il posto dei classici pali di legno all’estremità dei filari delle viti.

La camminata è un facile percorso in salita in mezzo le vigne. Curiosa sarà l’espressione di ammirazione che proverete quando raggiungerete la sommità della collina dove sono installati questi particolari pali

L’Altalanga, l’altalena gigante di Cossano Belbo

Grandi matite colorate, un enorme righello e una gomma di legno compongono quest’insolita attrazione, posizionata sulla collina della Langa Soprana lungo la strada comunale Santa Libera-Sant’Anna. Nata dal desiderio dei bambini di tornare a scuola dopo il lungo periodo di pandemia, L’Altalanga si contraddistingue proprio per i suoi componenti a tema cancelleria: la gomma, per cancellare i brutti momenti; le matite, per disegnare un nuovo inizio; il righello, per tracciare linee rette e robuste e ripartire più forti di prima.

L’Altalanga richiama anche il nome di un pregiato vino del territorio: lo spumante Alta Langa DOCG, prodotto con l’uva Pinot Nero dell’azienda agricola di Daniele Mirano

in conclusione ..

Una giornata intera è il tempo che serve per percorrere i circa 80 chilometri raccontati in questo elenco.

Qui potete trovare traccia della mappa tramite Google Maps.

Lungo la strada vi imbatterete in diversi scorci panoramici, in interessanti cantine da visitare, in piccoli borghetti da esplorare per sgranchirvi le gambe, moltissime altre insegne che vi porteranno a voler esplorare il territorio.

La Langhe si prestano anche come un’interessante gita fuori porta o una fuga romatica in alternativa alle note colline toscane.

Per richiedere preventivi o maggiori informazioni in merito a questa meta CONTATTAMI o visita la sezione IDEE DI VIAGGIO

Se invece vuoi restare aggiornato sulle novità ed offerte iscriviti alla NEWSLETTER

 

condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

erica mattiello, blog viaggi,

Erica Mattiello

Viaggiare… è sempre stata parte della mia vita. Sin da piccola, in più occasioni, i miei genitori

Instagram
Ultimi post
i più commentati
Seguimi
Newsletter
Certificazioni

Grazie alle costanti formazioni che Evolution Travel e le varie piattaforme degli enti del turismo propongono, la mia conoscenza nel mondo del turismo è in continua evoluzione.

error: Il contenuto è protetto!