Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
erica mattiello, blog viaggi,

Torino & Dintorni

L'itinerario perfetto per visitare Torino, l'antica capitale del regno sabaudo, culla del Risorgimento e teatro di grandi eventi storici e culturali italiani.

Cosa troverai in questo articolo

COME VISITARE LA CITTA'

Parcheggiate al multipiano Porta Palazzo (1.80€/h-15€/gg), sarete comodi al Palazzo Reale.

La vostra visita di Torino, inizierà da qui.

Se arrivate per l’ora di pranzo, potrete pranzare all’ Antica Tettoia dell’Orologio di Porta Palazzo (08.00/19.00) che si trova a pochi passi dal parcheggio.

Questo è il percorso a piedi che consiglio

Iniziate la vostra visita ai Musei Reali presso il Palazzo Reale, una delle attrazioni più importanti del capoluogo piemontese.

Con un unico biglietto potrete visitare l’Armeria Reale, la Biblioteca Reale, il Palazzo Reale, la Galleria Sabauda, il Museo Archeologico, i Giardini Reali e le Sale Chiablese dove si svolgono mostre temporanee.

Arrivare in orario di apertura è la scelta migliore. Prevedete almeno un paio d’ore per l’intera visita.

Una volta usciti dal palazzo reale, dirigetevi verso il Duomo di Torino, da visitare assolutamente. Si tratta dell’unica chiesa in stile rinascimentale della città. Nel corso del ‘600 il Duomo è stato ampliato per permettere di conservare al meglio la Sacra Sindone.


Curiosa la costruzione della cappella reale che visiterete all’interno del Palazzo reale ed il cui balconcino reale che che si affaccerà anche all’interno del Duomo, proprio sopra la Cappella della Sindone, il capolavoro barocco in marmo nero di Guarino Guarini, patrimonio UNESCO dal 1997.

Dal Duomo proseguite poi per Piazza Castello, cuore della città in passato, oggi la seconda piazza più grande di Torino, circondata su tre lati dai famosi portici torinesi.

Sulla piazza si affacciano importanti attrazioni della città: il Palazzo Reale, il Teatro Regio, tra i più importanti teatri lirici d’Italia, Palazzo Madama, ex sede del Senato Subalpino oggi sede del Museo civico di arte antica, e la Real Chiesa di San Lorenzo, dove fu ospitata per un periodo la Sacra Sindone appena giunta a Torino.

Passeggiando lungo le Gallerie Coperte troverete ristoranti, negozi vari e caffè storici, antichi locali ottocenteschi arredati ancora oggi con specchi antichi, tappezzerie di raso, eleganti candelieri e piatti di porcellana, dove potrete gustare una delle specialità torinesi come il Bicerin.

Proseguendo, affiancherete lo splendido Palazzo Carignano che ospita il Museo nazionale del Risorgimento Italiano e gli Appartamenti dei Principi.

A fianco, l’edificio seicentesco di Palazzo dell’Accademia delle Scienze ospita il famoso Museo delle Antichità Egizie, il più importante museo egizio del mondo dopo quello de Il Cairo.

In pochi passi vi troverete a Piazza San Carlo, conosciuta anche come “il Salotto di Torino”, al cui centro è situata una statua equestre di Emanuele Filiberto e alla sua estremità sorgono due chiese gemelle in stile barocco, quella di Santa Cristina costruita nel 1639 e quella di San Carlo del 1619.

Percorrendo Via Roma, che imbucherete affiancando le due chiese, giungerete a Porta Nuova, la stazione centrale di Torino

Una volta giunti a Piazza San Carlo potrete percorrere Via Roma a ritrovo, lungo le gallerie del lato opposto, sino ad arrivare nuovamente a Piazza Castello, dove imboccherete Via Giuseppe Verdi.

Percorrendo questa via giungerete al Museo della Radio e della Televisione Rai (gratuito!) e scorgerete il simbolo indiscusso della città, La Mole Antonelliana che ospita il Museo del Cinema.

Fatte le dovute visite e fotografie, vi consiglio di proseguire lungo Via Po’ ed imbattervi in Piazza Vittorio Emanuele, dalla quale scorgerete, al di là del Ponte (Vittorio Emanuele) l’imponente chiesa Gran Madre di Dio

Potrete quindi passeggiare lungo il fiume in direzione ovest sino ad arrivare al Parco del Valentino cuore verde della città. All’interno del parco troverete numerose statue, fontane, il Giardino Roccioso ed il Borgo Medievale, una bellissima riproduzione ottocentesca di un piccolo villaggio del XV secolo.

Il Borgo medievale fu costruito in occasione dell’Esposizione Generale Italiana, ispirato a chiese e castelli piemontesi e valdostani al cui interno furono presenti diverse botteghe artigianali: il vasaio, il falegname, il fabbro, la tessitrice. Oggi il borgo è diventata museo civico unico nel suo genere

In conclusione

Una giornata intera è il minimo tempo che serve per passeggiare lungo il bel centro storico di Torino, visitando (o almeno ammirando) gli edifici più importanti della città.

Molto altro si potrebbe vedere, come il Santuario della Consolata o il Museo Lavazza, il Museo Nazionale dell’Automobile e l’ Allianz Stadium Museum della Juventus.

COSA VEDERE FUORI CITTA'

La Reggia di Venaria

Appena 12 chilometri a nord della città, troviamo una delle più alte espressioni del barocco italiano. La Reggia di Venaria è stata dichiarata patrimonio dell’Unesco nel 1997.

Fu progettata su commissione del duce Carlo Emanuele II come base per le battute di caccia nel 1600 ma utilizzata anche per ricevimenti importanti.

Nel corso degli anni la reggi subì dei danni ed a seguit0 di un restauro ad inizio ‘700 il complesso assunse le sembianze attuali che presero ispirazione dalla Reggia di Versailles.

Durante la visita è possibile ammirare l’incantevole Sala di Diana con i suoi arazzi e dipingi e la lunga Galleria Grande (80 mt. x 12 mt.). Incantevole anche la Cappella di Sant’Uberto, dedicata al patrono della caccia ed il complesso delle Scuderie Juvarriane, dove sono anche esposte splendide carrozze d’epoca ed un vascello veneziano reale.

Immancabile una passeggiata negli immensi giardini trasformati in stile francese: viali, specchi d’acqua, boschetti e labirinto abbelliscono uno spazio esterno di oltre 120 ettari.

Oltre al complesso della reggia, è carino passeggiare lungo l’elegante via di Venaria Reale, ricca di negozi, bar e ristoranti e la cui piazza richiama particolarmente quella di San Carlo a Torino.

Superga

La Basilica di Superga
Questa maestosa basilica sorge su di un colle, ad appena 20 minuti d’auto dal centro di Torino.
In giornate terse, dalla terrazza della basilica godrete di un meraviglioso panorama sulla città oppure potreste salire la scala a chiocciola sino alla Cupola della Basilica.
A Superga non perdetevi di visitare i sotterranei, dove si trovano le Tombe Reali dei Savoia, e dove vengono tuttora custodite opere d’arte scultoree, di artisti attivi alla corte sabauda tra la metà del ‘700 e la fine dell‘800. La visita è guidata e dura circa una mezzoretta, ma interessante per conoscere la storia della famiglia reale italiana. 

Villa della Regina

Sul colle opposto di Superga si trova una magnifica villa seicentesca, per secoli residenza di molte sovrane sabaude. La villa è visitabile.

Val di Susa

A nord di Torino si estende la Val di Susa, la valle alpina confinante con la Francia.

La Sacra di San Michele

Meno di 40 km ad est di Torino troviamo un’affascinante Abbazia che si erge sul cucuzzolo di un colle, precisamente sul monte Pirchiriano. Siamo in Val di Susa e la Sacra di San Michele si trova a 962 metri di altitudine circondata da affascinanti boschi ed alte montagne.

Il suo fascino ha ispirato Umberto Eco nel suo bestseller “Il nome della rosa

La Sacra si raggiunge a piedi in circa 15/20 minuti di facile cammino dal parcheggio.

Il biglietto d’ingresso permette di visitare in autonomia l’abbazia ed include lo Scalone dei Morti, una ripida scalinata di 243 gradini scavata nella roccia subito dopo l’ingresso all’abbazia, il Portale dello Zodiaco che simboleggia l’accesso al mondo celeste e deve il nome agli stipiti decorati con segni zodiacali sulla estra e costellazioni sulla sinistra e la Chiesa con le sue opere pittoriche fino ad arrivare alla terrazzaù panoramica con le Rovine del Monastero Nuovo.

Ai piedi del monte, Avigliana è un centro importante della Valle, che si sviluppò come punto di transito verso la Francia durante l’impero romano e nel Medioevo.

Qui troviamo anche il Parco Naturale dei Laghidi Avigliana, dove è possibile percorrere un giro ad anello attorno ai laghi di circa 8 chilometri

Le Langhe

Patrimonio dell’Unesco, il territorio delle Langhe, in Piemonte, è una zona suggestiva da visitare, non solo per i suoi rinomati e pregiati vini: paesaggi da cartolina, buona cucina e piccoli borghi è ciò che si nasconde nelle dolci colline delle Langhe, situate in provincia di Cuneo.

Leggi qui il giro perfetto per esplorare questo territorio

Per richiedere preventivi o maggiori informazioni in merito a questa meta CONTATTAMI o visita la sezione IDEE DI VIAGGIO

Se invece vuoi restare aggiornato sulle novità ed offerte iscriviti alla NEWSLETTER

 

condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

erica mattiello, blog viaggi,

Erica Mattiello

Viaggiare… è sempre stata parte della mia vita. Sin da piccola, in più occasioni, i miei genitori

Instagram
Ultimi post
i più commentati
Seguimi
Newsletter
Certificazioni

Grazie alle costanti formazioni che Evolution Travel e le varie piattaforme degli enti del turismo propongono, la mia conoscenza nel mondo del turismo è in continua evoluzione.

error: Il contenuto è protetto!